Skip to content

Incontri

7 luglio 2014

Sembrava un noioso pomeriggio piovoso di inizio luglio, quando finalmente decisi di uscire.

“Faccio due passi a piedi”. Mi preparo ed esco. Ha cominciato a piovere. Ora che sono pronta. Oggi che ho lavato la macchina (ma allora succede davvero!).

Torno indietro e prendo le chiavi della macchina. Scendo le scale e arrivo al cortile. Un macchinone fermo e contromano davanti al mio cancello. Una panda che percorre la via nel senso opposto (e quindi in quello giusto).

Panda vs. macchinone. Alla guida della panda un ometto di mezza età, alla guida del macchinone un ragazzo. Discutono animatamente. Il ragazzo non ha visto il divieto e ha imboccato la strada. L’ometto stufo di subire infrazioni altrui non ci pensa minimamente a spostarsi e chiama i carabinieri.

Volano parole grosse e la tensione si taglia a fette.

In tutto questo ci sono io, con la mia macchinina parcheggiata dietro i due, che non mi posso muovere dato che la strada è troppo stretta e sto seduta buona e zitta al mio posto.

Sono sempre del parere che l’educazione vinca sempre e che sia un’arma vincente: per questo i due non mi cagano di striscio.

Finché l’ometto non si avvicina. Oh finalmente, adesso mi renderà partecipe della cosa, magari si scuserà per avermi coinvolto.

“Che via è questa?” Rispondo. Era solo per riferirla ai carabinieri al telefono.

Mi armo di coraggio: “Io dovrei passare…”

Vanno avanti come se non esistessi.

I due continuano a litigare, finché il macchinone non torna indietro in retromarcia lanciando insulti di vario genere all’ometto.

E l’ometto fiero ed orgoglioso. Ha vinto lui.

E io che dopo aver assistito, posso partire per il mio minigiretto anti noia.

Poi che non succede mai niente.

Il flash: non mi hanno considerato per niente. Adesso la questione finirà sul tavolo dei carabinieri e sia l’ometto che il ragazzo, ricorderanno perfettamente la mia faccia, la mia macchina, la mia casa, il mio nome (non lo sanno ma lo scopriranno) e mi chiameranno a testimoniare.

Aiuto, ho già paura.

Vado a telefonare a Giulia Bongiorno.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: