Skip to content

Amore criminale

23 giugno 2015

Uno dei miei programmi preferiti in tv è Amore Criminale. E’ un programma che parla di storie d’amore spesso finite in tragedia.

Anche se è molto triste e fa piangere di dolore, è un programma bellissimo. Uno di quei programmi che andrebbero mostrati nelle scuole.

Per insegnare alle ragazze di avere consapevolezza di sé. E per insegnare a tutti il rispetto per le altre persone.

Nelle vicende raccontate nel programma spesso rimango colpita da una caratteristica ricorrente. La smania di trovare qualcuno. A tutti i costi.

È una cosa che non ho mai capito. Da quando ero ragazzina. A volte, il fatto di trovare qualcuno sembra, più che la conseguenza di un sentimento, una gara per non rimanere indietro.

Tutte si fidanzano, allora devo farlo anche io. Poco importa se non ho la più pallida idea di cosa significhi amare con tutto il cuore. L’importante è non rimanere da sola.

Da sola poi. Come se il fatto di non avere un marito possa precludere una vita serena in uguale maniera. Come se una donna libera non possa comunque avere un milione di interessi che le riempiono la vita.

Questa mentalità retrograda è però fin troppo viva e spesso si evidenzia in modo molto forte anche nelle storie di Amore Criminale. In cui una donna non sposata viene vista come incompleta e la stessa donna, vittima di violenza, non ha il coraggio di lasciare il suo aguzzino perché convinta che il fallimento di un matrimonio sia sinonimo di un fallimento personale.

Non è così. Al primo posto della nostra vita dobbiamo esserci noi stesse, non esiste altra possibilità. E dal nostro bene deriva anche il bene delle altre persone. È inutile sacrificarsi per una causa persa.

Stare con qualcuno implica obbligatoriamente il fatto di stare meglio. Se stai peggio non può essere una cosa giusta.

Questa smania spesso porta troppe donne ad accompagnarsi con esseri ignobili.

E’ terribile. Uno schifo di marito non è meglio di niente. E’ uno schifo e basta.

E la violenza domestica è molto più diffusa di quanto si pensi. Non sono cose lontane che qui non possono succedere.

Succedono, eccome.

Amore Criminale va in onda il lunedì in prima serata su Raitre ed è un programma di Matilde d’Errico condotto da Barbara de Rossi.

Il numero antiviolenza è 1522.

Il numero del Telefono Rosa è 0637518282

Per concludere, pubblico il backstage del video “La signora del quinto piano”, la canzone che Carmen Consoli ha scritto per trattare il tema del femminicidio.

E ne ha realizzato una versione assieme a Elisa, Nada, Irene Grandi, Gianna Nannini ed Emma per sensibilizzare le persone e per aiutare i centri antiviolenza.

 

Annunci

From → Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: