Skip to content

Antonio e Chiara

31 agosto 2015

Anche questa estate si è conclusa l’esperienza con le Pratzas in festa a Villaputzu.

Spiego: le Pratzas sono i cortili. Ogni estate, qui a Villaputzu, gli antichi cortili vengono riaperti, arredati come un tempo e preparati per accogliere chiunque voglia vederli.

Le persone del paese. I ragazzi che hanno voglia di fare un tuffo nel passato, i signori e le signore più grandi, che organizzano un viaggio nei loro ricordi.

E per i turisti, che io preferisco chiamare viaggiatori, che si sono spostati dalle loro case per una vacanza che comprende anche un arricchimento culturale. Sono loro i viaggiatori che preferisco.

Il termine turista mi dà la sensazione di un prigioniero in un villaggio turistico che non sa, e non vuole sapere, che cosa ci sia al di fuori.

Le edizioni delle Pratzas in festa sono belle anche per me.

Ogni anno apriamo la casa di mio bisnonno Antonio Lara e di mia bisnonna Chiara Casula.

Antonio Lara è un importante suonatore di launeddas, uno strumento a fiato tipicamente sardo.

Vi rimando qui per capire di cosa si tratta, sul sito dell’associazione Iscandula, guidata da Dante Olianas, che preserva e diffonde questa tradizione.

Io non ho conosciuto i miei bisnonni e ho la fortuna di poterli conoscere non solo attraverso i racconti dei miei genitori e zii, ma anche attraverso altri ricordi un po’ più tangibili. Che arrivano a me grazie a chi ha studiato la storia di mio bisnonno per farne un’opera culturale che continua ancora oggi e per chi sceglie di fermarsi un attimo a raccontare cosa ricorda di quella casa. Persone di Villaputzu che la vita ha portato lontano da qui, ma che almeno una volta all’anno, non può fare a meno di tornare a casa.

Entro nel cortile di casa e ci sono i miei bisnonni ad attendermi. Appena dietro di loro c’è un loro ospite e amico, Andreas Bentzon, etnomusicologo danese appena arrivato in moto per conoscere meglio lo strumento musicale.

Nonni e Andreas

Le persone di una certa età ricordano anche lui. Alto, biondo, chiaro. Lo ricordano soprattutto le signore, ho notato.

Nonno e Andreas

Andreas Bentzon e Antonio Lara

La casa è aperta e sembra che i proprietari non siano mai andati via. Una collezione di immagini, le stanze preparate come allora.

Un ricordo fatto di musica e immagini video, perché grazie a questo documentario proiettato all’ingresso, posso vedere ancora meglio chi era la mia famiglia.

Grazie di tutto nonni, anche quest’estate è stato bello conoscervi un po’ di più.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: