Skip to content

Referendum costituzionale

6 dicembre 2016

referendum

Potevo io esimermi e tapparmi la bocca? No, che cavolo. Parlano tutti, chi sono io, la figlia della schifosa? Anche io voglio parlare!

Si o No? Quesito serio: alzi la mano chi non ha pensato a Fiorello!

No dai, scherzo. Allora, parliamo del voto. Intanto premetto: ho votato No. Io mi sono impegnata per questo referendum. Se ne parla tanto. Storco sempre un po’ il naso quando si parla di riforma costituzionale. Perché sono diffidente, non volevo che la toccasse Berlusconi, non voglio che la tocchino altri. E anche perché credo fortemente che, se si volessero prendere delle decisioni per il benessere collettivo, si possano prendere anche senza passare da una riforma costituzionale.

O che, in questo caso, si potesse evitare di accorpare tutto quanto. Eh sì, perché vi svelo un segreto.

Si poteva essere favorevoli all’abolizione del Cnel e al taglio delle poltrone ma contrari al nuovo rapporto Stato – Regioni. Soprattutto per quello che riguarda l’ambiente. Che strano eh?

Che faccio? Abolisco il Cnel e passo le notti a sperare di non trovarmi un ecomostro sulle coste perché a qualcuno va bene così? Abolisco il Cnel e rivivo lo spettro del deposito di scorie nucleari già paventato anni fa? I miei dubbi erano anche questi.

Ho passato giorni a leggere l’Internazionale, ha dedicato molti approfondimenti al Referendum e da lì mi sono fatta un’idea. Non mi sono interessata ai famosi che votavano SI, né a quelli che votavano NO. Io avevo deciso per conto mio.

“Se vince il NO vado a casa”. Mi sono impegnata, dicevo. Era un referendum costituzionale, non politico. Personalizzarlo era sbagliato e il primo passo falso è stato proprio Matteo Renzi a farlo. Poi ha ritrattato ma ormai la frittata era fatta. Io e pochi altri non abbiamo personalizzato, troppi altri sì, caricando il voto di mille altri significati.

Campagna elettorale. La campagna elettorale è stata abbastanza tremenda. I comizi per il NO sembravano favorire ill SI. E quelli del SI favorire il NO. A molti del NO non è andata giù la definizione di “accozzaglia” senza badare troppo al fatto che anche quelli del SI erano un’accozzaglia. Anche per questo era impossibile personalizzare. Non puoi stimare sia Renzi che Verdini, non puoi stimare sia la Cirinnà che la Lorenzin. Mi fa piacere il passo avanti per i diritti LGBT ma è inaccettabile la campagna per il Fertility Day. Non possono arrivare dallo stesso schieramento e certamente non in quel modo.

Dimissioni. Gioia e smarrimento da parte dei fan dell’urlo facile “Dimissioni e tutti a casa”. E poi? E poi ne arriveranno degli altri a cui gridare nuovamente “Dimissioni e tutti a casa”.

Affluenza alle urne.  Il fatto positivo è che a votare ci siamo andati quasi tutti. Ecco. Dobbiamo fare sempre così. E non per votare contro qualcuno, ma per esprimere un’opinione. L’ho detto anche domenica, non facciamo che vantarci di dire sempre quello che pensiamo eppure quando dobbiamo manifestarlo niente, muti, nulla, il silenzio. Poi però lamentele a non finire.

Dobbiamo andare sempre a votare e tra poco dovremo ritornarci. A me piace votare.

Agnese. A non avere mai sbagliato nulla è stata lei. Agnese Renzi. Elegante e di classe. Sempre, in ogni occasione. Non ho mai capito l’accanimento “fisico” nei suoi confronti, credo sia stato il bersaglio più semplice. Poi del fatto che a dare giudizi estetici sulle persone siano sempre quegli individui che più di tutti dovrebbero tacere ne parliamo un’altra volta.

Maratona Mentana. La ciliegina sulla torta. Io penso che anche un non appassionato di politica, davanti a 5 minuti di maratona Mentana recupererebbe tutto l’interesse. Fatelo vedere ai ragazzini. Scopriranno che la politica ci riguarda tutti e scopriranno come si diventa affermati facendo un mestiere con passione davanti a colui che è la passione giornalistica fatta a uomo: Enrico Mentana! Da un uomo così possiamo solo imparare!

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: